Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti, per garantire le proprie funzionalità ed agevolare la navigazione degli utenti, secondo la privacy, copyright & cookies policy ove sono altresì indicate le modalità per disabilitare i cookies. Cliccando su OK, o proseguendo nella navigazione, l'utente acconsente a detto utilizzo dei cookies   

amianto nei cantieri navali

lavoratori e problemi nei cantieri navali di amianto

L’utilizzo dell’amianto nei cantieri navali ha portato i lavoratori a respirare polveri nocive ed in grado di provocare seri danni alla salute dell’individuo quali mesotelioma, asbestosi, tumore della pleura e carcinoma tumorale.
In Italia nel settore navale l’amianto ha trovato copiosa applicazione; di conseguenza, tantissimi operai e le loro famiglie sono venuti a contatto con le scorie e le polveri di tale materiale killer.
Tutto ciò ha comportato la presenza in città come Venezia, Bari, Genova,Bologna,Massa Carrara, Trieste,Napoli ed in tanti altri luoghi in Italia, di lavoratori e non, che a seguito del contatto con le polveri di amianto, hanno sofferto di mesotelioma e tumori dovuti quindi a  malattia professionale da amianto stessa.
Proprio per questo già dai primi anni ’90 il Governo ha bandito nel nostro paese l’utilizzo di tale materiale per la realizzazione di nuove strutture e, soprattutto si è ordinato a tutti coloro che avessero strutture in amianto nelle proprie case di rimuovere tutto il materiale al fine di non poter causare altri danni alle persone.

L’Italia è da sempre una nazione che pone nell’impiego delle navi la base dei propri affari commerciali; proprio per questo   fino al 1980 l’amianto è stato utilizzato nei cantieri navali delle città di Bari, Venezia. Napoli, Massa Carrara, Livorno, Genova e Trieste; tale materiale veniva impiegato soprattutto per le strutture di coibentato che dovevano sia essere erette in grandi altezze sia resistere alle alte temperature.

Nello specifico l’amianto era utilizzato per: evitare la propagazione degli incendi, soprattutto nelle navi da guerra, al fine di insonorizzate la cabine, per creare dei buoni sistemi anticondensa, soprattutto per sommergibili e sottomarini. Tale materiale viene ancora utilizzato per creare collettori di scarico, compressore ad alta pressione, interruttori elettrici, turbine e motori di propulsione e tanto altro.

Seppur oggi l’amianto non sia più utilizzato nella costruzione delle navi e nei cantieri navali  è bene dire che la sua dismissione non è semplice; tutto ciò porta ad affermare che vi sono tantissimi soggetti esposti al contagio da amianto e alla sua fibra killer.

Le principali malattie sofferte dai lavoratori esposti dei cantieri navali sono:   il mesotelioma, il tumore del polmone e placche pleuriche; ma non solo vi sono tante altre patologie, altrettanto gravi quali   tumore della laringe, al colon, al rene ed alla vescica. 
Le malattie provocate dal contatto con le fibre di amianto nei cantieri navali possono compromettere la salute sia di uomini sia di donne in via definitiva e, tra l’altro, le stesse non riguardano solo il lavoratore che viene a contatto con tale sostanza nociva, ma si ripercuotono su tutta la famiglia dello stesso che può essere soggetta al contagio indiretto (tramite ad esempio la pulizia dei vestiti utilizzati dai lavoratori sulle navi e nei cantieri pieni di scorie di amianto).

Fatta tale premessa si comprende in maniera facile perché l’amianto non sia più legale nel nostro paese; nel corso degli anni si è sentito di soggetti che hanno riportato seri e irreparabili danni per la propria salute; tale realtà, purtroppo, riguarda anche il settore navale dove vari lavoratori sono morti per tumori, nella fattispecie di mesotelioma pleurico.  
Bisogna specificare però che nel momento in cui un soggetto, compreso il lavoratore nel settore della costruzione delle imbarcazioni, si ammala a causa delle scorie di amianto può richiedere un’opportuna tutela legale al fine di ottenere un risarcimento del danno al datore di lavoro; tale opportunità è detenuta anche dalla famiglia in caso di decesso per mesotelioma – amianto del soggetto dipendente della società che non ha dismesso l’amianto che aveva l’obbligo di eliminare. 
Come si vede il contatto con l’amianto può dar vita a malattie molto gravi, che possono causare anche la morte della persona.
Ricordiamo che l’   amianto o absesto è un sale minerale del gruppo degli inosilicati e fillosilicati. l’amianto, prima di diventare tale deve subire delle modifiche che avvengono a bassa pressione e a bassa temperatura. 
L’amianto è uno dei materiali più comuni in natura; anche se lo stesso è molto diffuso è bene chiarire che il suo utilizzo può essere nocivo per la salute umana, tanto che da anni, in Italia, se ne vieta l’utilizzo; proprio per questo occorre sin d’ora fare riferimento al fatto che il contatto con l’amianto ha causato dei decessi per i lavoratori nei cantieri navali che sono divenuti titolati del diritto al risarcimento del danno nei confronti del datore di lavoro.
L’amianto è un prodotto resistente al calore e a fuoco, proprio per questo può essere adoperato per la realizzazione delle divise dei lavoratori o materiali utilizzabili in vari settori industriali in cui si necessità di materiale resistente.
COME OTTENERE IL RISARCIMENTO  DAL DATORE DI LAVORO IN CASO TUMORE E MESOTELIOMA DA AMIANTO ?
Entro dieci anni dall’insorgenza della malattia il lavoratore può chiederne il risarcimento all’azienda, anche se è andato in pensione da tanti anni. Per farlo può rivolgersi a legali che azioneranno i suoi diritti immediatamente con una primo intervento di richiesta risarcimento ed interruzione della prescrizione. La lite può risolversi con una risoluzione bonaria in via transattiva o sfociare, con il consenso dei clienti, in una vertenza giudiziale.
In caso di morte del lavoratore ammalato, possono agire per suo conto gli eredi, chiedendo il danno subito dal congiunto, nonché il danno subito dagli stessi per la perdita del rapporto parentale.

I mezzi di tutela giudiziaria da poter attuare al fine di ottenere un risarcimento del danno da Amianto (Mesotelioma) :

Coloro che vengono colpiti dalle particelle da amianto e i loro familiari possono rivolgersi ad un legale al fine di ottenere un risarcimento del danno dinanzi all’autorità giudiziaria. Nello specifico il lavoratore danneggiato ha diritto, una volta dimostrato il nesso di causalità tra il suo malessere e il contatto con la sostanza, alle prestazioni inail che consistono in una rendita mensile volta ad indennizzare sia il danno patrimoniale, inerente la perdita della capacità lavorativa, sia il danno biologico.

Oltre alla rendita inail vi è anche quella di reversibilità al coniuge e agli orfani; la stessa, grazie al grado di parentela permette di avere sia a mogli che a figli una percentuale di risarcimento differente. 
Coloro che sono stati a contatto con l’amianto hanno anche altre agevolazioni come il prepensionamento, quindi dei benefici contributivi per aver subito l’esposizione. 
Ovviamente, oltre alla responsabilità civile da cui scaturisce il risarcimento del danno di cui abbiamo parlato, non bisogna scordare che chiunque è   vittima di amianto può sempre esperire anche un’azione penale nei confronti del datore la lavoro. 
Da quanto detto si comprende che l’amianto è altamente tossico e deve essere eliminato, al fine di abbattere ogni possibile contagio.

CASI DI AMIANTO E DI  RISARCIMENTO PER LAVORATORI CHE HANNO LAVORATO NEI CANTIERI NAVALI:

Vediamo ora dei casi di malattia professionale e di decesso per contatto con l’amianto.
Riportiamo 4 esempi che permettono di comprendere cosa accade giuridicamente in seguito a tali vicende:

Il primo caso, documentato dal sito online Livesicilia.it , risalente al mese di maggio 2019 è quello del lavoratore che, a seguito del contatto con le polveri di amianto è deceduto a causa di un’asbestosi pleurica; in questo caso Fincantieri, società datrice del lavoro, è stata condannata ad un risarcimento di centinaia di migliaia di euro nei confronti della famiglia.
Altro caso è quello esposto da repubblica.it , in cui si racconta che l’amianto ha provocato diverse morti tra i costruttori di navi di Trieste.
Altro caso, a Genova, è quello esposto dal sito diritto24 e sole 24 ore in cui si legge che a seguito di un mesotelioma pleurico un lavoratore del cantiere navale genovese è deceduto; proprio per questo il Tribunale ha riconosciuto un cospicuo risarcimento del danno alla famiglia.

Infine, sempre trattato dal sito repubblica.it, è quello che ha riconosciuto nell’amianto la causa di morte di più di 30 operai dei cantieri navali; proprio per questo sia l’inail che la società datrice del lavoro sono state condannate per  le patologie professionali asbesto amianto correlate volti a risarcire anche le famiglie delle vittime.


ANALIZZIAMO SUBITO IL TUO CASO

SENZA IMPEGNO

COMPILANDO IL MODULO CONTATTI 

Segreteria Centrale :

Milano: 02 87159422   Roma: 06 92935338

VI SEGUIAMO IN TUTTA ITALIA

         Cellulare: 3421754085

da LUNEDI’ a VENERDI’

dalle ore 9.00 alle 19.00

ORARIO CONTINUATO


Avvocati per malasanità